Trees

Dopo mille peripezie, finalmente ce l’ho fatta! Anche se le pellicole Impossible mi hanno in parte ostacolato nella realizzazione del mio progetto.
L’idea di base, quando compro le impossible, è realizzare un progetto monotematico, che mi faccia sfruttare quegli 8 scatti di una pellicola per polaroid al meglio.
Il primo in cui mi ero cimentata, nacque più per caso che per volontà: la cartiera abbandonata di Archeologia Industriale – Instant View, era nato per provare la polaroid che avevo trovato nell’armadio.
Questo secondo rullino, invece, voleva essere meno casuale, ma la dubbia qualità della pellicola e soprattutto il suo veloce deterioramento una volta inserita nella macchina mi hanno costretto a fare a meno di alcuni scatti, che ho dovuto buttare.
L’idea di partenza era quella di fotografare 8 alberi, di specie diverse, ma anche in momenti diversi della stagione e in parte ce l’ho fatta.
Arrivata al punto di dover fotografare la vite, come pianta che rappresenta meglio il mio territorio, insieme all’olivo, la pellicola mi ha mollato.
Il primo scatto che ho buttato ho pensato di averlo scattato in un momento troppo soleggiato, dato che era venuto sovraesposto, quindi sono tornata a fotografare nel tardo pomeriggio e…niente: la strisciata bianca è rimasta, sia sulla vite che sull’abete, entrambi abbondantemente in ombra. ARGHH!
Insomma, alla fine della fiera, gli scatti si son ridotti a 5. Niente vite, niente abete, niente albero in fiore…Non considerando che le pile per il flash non hanno mai funzionato…insomma un’epopea!
Mai ci fu nome più azzeccato per una pellicola: impossibile è arrivare in fondo pienamente soddisfatti del risultato!
Comunque, chi ha detto che non ci riprovi? 😉